wiki e affari

Slashdot ospita una discussione sui wiki e il loro impatto nell’impresa. I commenti dei lettori sono acuti e riflettono una esperienza sul campo con i software di collaborazione come Lotus Notes e wiki. Chiunque abbia usato o proposto un wiki si ritrover

reperti finanziari

Scrive Maike da Hong Kong sul sistema finanziario cinese e in Asia orientale in genere:

“Dice il mio amico Jake, il mio fornitore di reperti (vedi piu’ sotto): il cambio delle valute e’ gestito dalle banche centrali, che a loro volta sono controllate dalla politica.

L’economia pero’ non e’ la politica, e ragiona in maniera piuttosto diversa, secondo principi molto simili a quelli che regolano il movimenti dei fluidi (vasi comunicanti, ecc.).
Ora succede che la politica per motivi politici decide di interrompere il flusso normale dell’economia. Per esempio, decide di gestire il cambio delle monete – appunto tramite le banche centrali. Come riesce a fare cio’?

1) Fissa il cambio rispetto ad un’altra moneta (esempio: US Dollar)
2) Fissa i tassi di interesse
3) Apre i propri confini al flusso di capitali

Questo gioco pero’ non puo’ durare a lungo. Si possono gestire due delle tre cose citate sopra, ma se si tenta di gestirle tutte e tre, prima o dopo l’esperienza insegna che il banco salta e il flusso dell’economia esce dagli argini stabiliti dalla politica tramite le banche centrali, per continuare con l’esempio dei fluidi di cui sopra.

Tutti ricordiamo l’esempio dell’Italia (tra i vari esempi, 1992 Amato) e della crisi finanziaria asiatica (1997). Ora, abbiamo evidenti prove che il gioco della politica/banche centrali si sta ancora una volta ripetendo.

Reperto nr. 1: il tasso di cambio delle monete asiatiche (ex japan) e’ rimasto praticamente fissato allo USD negli ultimi quattro anni, nonostante gli enormi sbalzi avvenuti nel frattempo tra USD e altre monete (e.g. EURO).

Reperto nr. 2: le riserve in USD detenute dalle banche centrali asiatiche (ex japan) sono cresciute da mezzo trilione di USD nel 1998 a un trilione di USD ad inizio 2003 e circa 1.3 trilioni di USD oggi.

Cosa e’ successo: l’economia asiatica esporta principalmente verso gli USA, se le monete asiatiche fossero fatte fluttuare liberamente, si sarebbero apprezzate cosi’ tanto da frenare l’export verso gli USA. Conseguentemente, le banche centrali asiatiche da sei anni comprano USD per frenare il fenomeno dell’apprezzamento delle loro monete.
I soldi che si potevano utilizzare a casa propria per far crescere l’economia sono invece stati spediti al Treasury ammericano per contribuire al finanziamento del debito pubblico americano, ed in ultima istanza finanziare l’avventurismo militare in Iracche.

NON DURERA’.

Se l’esperienza ci insegna qualcosa, prima o poi le monete asiatiche dovranno staccasi dal cambio fisso col dollaro. Il dollarone dovra’ disprezzarsi fino a divenire dollarino. Le banche centrali dovranno vendere i loro dollaroni diventati dollarini e immettere i soldi nell’economia locale. Insomma, credo che siamo di fronte ad un’interessante prospettiva.

L’anno scorso (quando si cambiava alla pari 1:1) prevedevo il dollaro a 1:1.60 (1 EURO = 1.60 USD). Tutti ridevano allora, oggi molto meno.
Ecco che quindi oggi scommetto per 1:2 (1 EURO = 2 USD). Se vinco, vendo la casa in Italia e compero ad Hong Kong.”

P.S.: Mentre questo post era in bozza The Economist ha pubblicato un’analisi sulla discesa del dollaro, il debito americano e le riserve asiatiche; mentre Pfaall racconta che anche i cambiavalute di Bangalore preferiscono gli euro ai dollari
Continua a leggere reperti finanziari

il mondo e’ immondo

Ricevo e pubblico da Maike una foto dickensiana della Cina di oggi. Come ama ripetere, è tutto vero e qualcuno deve farlo (e raccontarlo):

“[…] se qui solo prendi un trenino e vai dalla nuova stazione di Tsim Sha Tsui East (aperta domenica) direttamente fino a Luo Wu, e di li’ superi il confine che separa il bene dal male, ti trovi di fronte ad un enorme esercito di disperati.

Essi (quelli che vedrai tu con i tuoi occhi a Shenzhen) non sono che i privilegiati tra i disperati – quelli che stanno cercando di togliersi dalla sfiga in cui sono nati per cercare di prendere qualche briciola caduta dalla tavola di noi ricchi.

Ma poi da qualche parte tra le pianure e le montagne cinesi, tra gole, anfratti ed enormi distese di pianura, si nascondono per ignoranza e vergogna 900,000,000 (novecentomilioni) di cinesi che vivono ai limiti della miseria piu’ nera, senza nessun posto dove andare e senza alcuna possibilita’ di vedere un qualsiasi barlume di speranza prima della loro morte. Ognuno di loro vive con 8RMB al giorno, questo dicono le statistiche. Presto le campagne vorranno disfarsi di questo peso sociale insostenibile, e questi 900,000,000 di persone dovranno trovare un nuovo posto dove impidocchiarsi.

Nel frattempo chi detiene il potere ruba e ruba, e ruba e ruba. Cosicche’ questi disperati un giorno verranno persino chiamati a ripagare i debiti che i loro compatrioti hanno creato col furto, la sopraffazione, l’inganno, l’appropriazione indebita, nel nome del comunismo, del popolo, e dello spirito santo amen. “
Continua a leggere il mondo e’ immondo