A bath in Shanghai

Gennaio 2005

Ma vediamo un po’ cosa succede a Shanghai. Devo proprio riportarvi le notizie piu’ recenti. Giorgio, il pioniere dell’ultima frontiera, mi segnala l’apertura di varie bath-houses. Si tratta di locali che offrono servizi ventiquatt’ore, per chi vuole rilassarsi un po’. Grandi vasche idromassaggio, con acqua calda, docce. Servizio massaggi. Massaggi di vario tipo, a seconda delle esigenze. Risalendo le scale, ad ogni piano un’esigenza. Se ce la fate fino al quinto piano, pare che ci sia il servizio piu’ completo.

Le chiamano bath-house, qualcuno ha deciso di rinominarle batton-houses. (pronunciare con cadenza veneta).
Attenzione pero’, se vi dilungate un po’ troppo nell’idromassaggio, un posto per soli uomini, potrebbero presentarsi dei giovani cinesini, nudi come voi. Dei putti. Ecco allora che il bath house si trasforma in butt-house, e li so’ccazzi, come diceva un amico mio.

Ciao
Maike

Un commento su “A bath in Shanghai”

I commenti sono chiusi.