Bingo

Da: Osservatorio Internet of Things
Oggetto: Webinar – Internet of Things per la Smart Home: quali innovazioni dalle startup?

schermata-del-2016-11-07-162727

Riferimenti circolari

Questa immagine si morde la coda due volte:
44cb4b91287cfcd8111d471867502a3cac861ab0.jpg

per quello che rappresenta, e per il nome del file che è l’hash del file stesso:

$ openssl sha1 44cb4b91287cfcd8111d471867502a3cac861ab0.jpg
SHA1(44cb4b91287cfcd8111d471867502a3cac861ab0.jpg)= 44cb4b91287cfcd8111d471867502a3cac861ab0

Inizialmente via Marco d’Itri it.fan.marco-ditri

E no, non funziona l’image uploader di wordpress 2.5.1 maledizione.

Xiang Lei Feng tongzhi xuexi

Marzo 2003.

Compagni:

I Compagni della Comune Popolare di Pechino festeggiano il 40mo anniversario della propaganda xiangleifengtongzhixuexi.

Morto in circostanze vaghe (ammesso che sia mai esistito) a 22 o 23 o 24 anni, Lei Feng e’ il corrispondente cinese di Buddy Holly.

Diventato immortale dopo morto – tipico degli eroi del popolo -, Lei Feng deve la sua fama in Cina ad una frase di Mao Zedong. Deve la sua fama italiana al libro degli esercizi di cinese dell’Abbiati.
Ma soprattutto, deve la sua finale consacrazione ad una traduzione di uno sconosciuto studente italiano: < > (dove Lei Feng e’ invece una ben? nota? localita’ turistica cinese).

A Pechino in questi giorni hanno pure allestito una mostra di reperti. Con tanto di foto inedite. Tra le foto, per l’orrore di tutti i poveri sessantenni cinesi, ce n’e’ una con Lei Feng che indossa l’orologio.
Cio’ nel 1962 era illegale per i soldati del suo rango.
Tanto piu’ che l’orologio e’ importato (no, no, non e’ una copia di Shenzhen, all’epoca a Shenzhen vivevano soltanto rane e girini).
Non basta: l’orologio in oggetto aveva nel 1962 l’esorbitante valore di RMB 300, che allora significavano cinque anni di salario per Lei Feng.

La foto e’ stata tenuta segreta per 40 anni. Dicono: perche’ il popolo non avrebbe capito.
Io – che nel mio piccolo mi considero un popolo di per me – ho invece capito tutto. Lei Feng aveva rubato un orologio. I suoi Compagni l’hanno ucciso. Mao Zedong ha commentato: “imparate dal compagno Lei Feng”.

Qualcuno informi l’Abbiati.

Ciao
Maike

neve

gennaio 2003

eccomi dunque qui a shanghai.
l’altro ieri ero a pechino. Nevicava.
Mi dicono che erano due anni che non.
Doppio culo. C’ero anche due anni prima.
Qualcuno mi ha detto: oltre a far nevicare, che altro sai fare?

Maike

Fenghuang

fenghuang.jpg

Fenghuang (Phoenix Village) e’ un piccolo villaggio al confine occidentale dell’Hunan (a sinistra di Changsha), ai confini col Guizhou. Zona di minoranze (Tujia e Miao). La cittadina e’ molto bella
ma semi-sconosciuta.

http://www.pbase.com/rhfau/hunan_fenghuang

Non c’e’ sulla Lonely Planet (sulla LP ci sono solo 11 pagine sull’intero Hunan – 70milioni di abitanti – di cui ben due dedicate a Mao).
Citta’ natale dello scrittore Shen Congwen, che (mi dicono) l’ha resa famosa descrivendola nelle sue opere.

La settimana scorsa dalle parti di Fenghuang – sul fiume Tuo – e’ caduto un ponte in costruzione, lungo 328 metri e alto 42 metri. Tutto construito in pietra (senza cemento armato). Vederlo crollare essere
stato uno spettacolo incredibile, meno che per le 200 – 300 persone che stavano togliendo le impalcature. Morti.

Ho cercato di capire sulle mappe a quale scopo stessero costruendo una tale opera ‘faraonica’ da quelle parti.

http://www.maps-of-china.net/p_hunan_map.html

Pero’ non riesco proprio a vedere l’interesse strategico della zona, a parte i turisti che potrebbero avere curiosita’ a visitare le palafitte di Fenghuang, o dedicarsi al safari fotografico delle minoranze.

Cito i turisti perche’ di Fenghuang ho letto per la prima volta in aereo, sulla rivista mensile della Dragon Air (edizione di Agosto), giusto un paio di giorni prima che Fenghuang diventasse famosa sul serio, ma per il ponte caduto.

Riassunto: DRAGON air, PHOENIX village, opere FARAONICHE. Vorra’ pur dire qualcosa, no?

Maike

wikipedia: il villaggio di Fenghuang in cinese, in francese

La truffa ora è letteratura profittevole

La Truffa alla nigeriana (detta anche Nigerian scam) è un raggiro per carpire soldi con una narrazione fantasiosa e promesse di futuri, grandi guadagni.

Prima di venir praticata via email veniva inviata per posta ordinaria, e ricordo di aver ricevuto delle lettere manoscritte a biro, con scrittura incerta, spedite dalla Nigeria.

Ora Andrea Raos su Nazione Indiana riprende la tradizione narrativa della frode nigeriana per trasformarla in un nuovo, lucroso filone letterario: Un romanzo africano.

Come dormono i lattanti – la prima soluzione

Avevo scritto di una nuova soluzione per evitare che i bimbi piccoli prendano freddo scoprendosi durante la notte. Ora ecco la prima delle soluzioni che ho trovato:

Cricetina Bimbostop è il sistema integrato della linea Cricetina per dare ai genitori la serena certezza che il pargolo non si possa scoprire agitandosi nel sonno. E’ un sistema integrato di:

  • Cricetina Morbidin, set di lenzuolini in morbida flanella o pile, dai riposanti colori pastello
  • Cricetina Fissaben, una comoda tutina su cui sono applicate speciali strisce di Velcro ™ in corrispondenza dei punti energetici dell’agopuntura cinese

La sinergia tra la morbida accoglienza del Morbidin e l’ergonomica voglia di giocare del Fissaben fermano il bimbo nella posizione naturale del sonno (quella che i genitori scelgono al momento della nanna) e lo tengono così fino all’ora del lieto risveglio.

Agenti immobiliari

Passo davanti a un’agenzia immobiliare e noto un cartello di ricerca personale:

Cercasi segretaria esperta del settore, bella presenza max serietà”

Mi fermo perché un’amica sta cercando lavoro dopo che la sua ditta è fallita, e guardo meglio la vetrina per capire perché vogliano “massima serietà” insieme a “bella presenza”. Intravedo il titolare seduto alla scrivania, l’agente immobiliare “max serietà”: semicalvo, con corona di capelli unti lunghi alla spalla, giacca tagliata alla moda di stoffa semilucida, pancia prominente, pantaloni a sigaretta, scarpe da tennis bianche, altezza 1,60. Il ritratto della sfiducia.