In bicicletta in Italia: piste-ciclabili.com

Alberto segnala il suo sito dedicato ai cicloturisti che amano seguire le piste ciclabili lontano dalle città: piste-ciclabili.com è un sito per condividere i propri itinerari ciclistici fuori città, con carte geografiche (Google Maps), schede di dettaglio degli itinerari, descrizioni e fotografie. Qui ad esempio, la scheda del percorso Abbiategrasso Bereguardo.

piste-ciclabili.com ha un wiki, un forum e una politica comunicativa di grande trasparenza. Tutto il sito è sviluppato con software open-source, tranne i servizi di Google a cui si appoggia, ovviamente.

Mostra caprina di razza Orobica a Branzi, 3 novembre 2007

La Comunità Montana Valle Brembana organizza una serie di fiere zootecniche in autunno. Molte sono dedicate ai bovini della razza Bruna, ma quella di sabato 3 novembre a Branzi è dedicata alla capra di razza Orobica, a pelo lungo, corna lunche e ritorte, aspetto maestoso e saggio.

L’Orobica era in via di estinzione, ma da una quindicina d’anni è stata rivalutata e se ne vedono spesso delle greggi sui pascoli di alta montagna nelle Orobie. Una bella occasione per portare i bambini, gustare il formaggio di quelle zone e divertirsi tra scampanelii e belati.

Portabici per auto

pandabici450.jpg Ci sono vari modi per portare la bicicletta in auto, e anche diversi portabicicletta per il tetto. L’importante è non farsi condizionare dalle mode e sapere che non importa se il gatto è bianco o nero, l’importante è che porti la tua bici

portabici450.jpg

Visto al Passo San Marco, Alpi Orobie, estate 2007. Ingredienti: Fiat Panda, bancale, filo elettrico, bicicletta.

Un nuovo Mediterraneo dell’energia rinnovabile

Beppe Caravita racconta del progetto Encouraged per produrre energia elettrica, idrogeno e acqua potabile a partire dal solare, ridisegnando i rapporti e le ricchezze nel Mediterraneo.

Il progetto non è altro che il ridisegno della mappa energetica di due continenti: Europa (verso est) e Europa verso Africa.

La parte più innovativa, e visionaria, riguarda i corridoi mediterranei dell’idrogeno.

Uno dei padri di Encouraged è Carlo Rubbia, il Nobel per la fisica, mente abituata a pensare in grande, che è stato costretto a scappare dall’Italia a causa (a prima vista…) dei soliti piccoli burocrati e piccoli politici (conservatori). Ma che è (guarda caso) riparato in Spagna, l’altro polo mediterraneo di Encouraged.

Rubbia ha messo in pista all’Enea due progetti chiave: il solare termodinamico ad alta efficienza (su misura per il deserto) e lo studio (a buon punto ormai) di processi elettrochimici (con catalizzatori nanostrutturati) per la separazione dell’acqua, a temperature di 400 gradi (quelle di Archimede) in ossigeno e idrogeno.

In pratica: un ciclo che serve a costruire un sistema solare capace di dissalare acqua di mare e ricavarne idrogeno, trasportabile tramite idrogenodotti o navi gasiere.

Assolutamente da leggere per capire cosa succederà nel 2007.

Pannolini lavabili

Questo è un pezzo di servizio per tutti coloro che, vivendo insieme a un bambino da zero a due anni, hanno a che fare ogni giorno con i pannolini.

Un bambino fa in media un cambio ogni 4 ore, ossia 6 al giorno e 6x365x2=4380 in due anni. E’ una gran quantità e una spesa non indifferente.

I pannolini usa e getta diluiscono la spesa giorno per giorno, sono molto pratici, ma diventano rifiuti che puzzano in casa prima, e giacciono in discarica per millenni, dopo. C’è chi dice che se ne produca una tonnellata per bimbo.

I pannolini lavabili sono un’alternativa concreta che costa un po’ di meno e rispetta di più l’ambiente. Richiedono un investimento iniziale per l’acquiso dei pannolini, ma sono più igienici in casa e delicati sulla pelle, come spiegherò.
Continua a leggere Pannolini lavabili