I più popolari indiani del 2003

Da una fonte segreta ho accesso al sistema di statistiche di Nazione Indiana. Quale migliore occasione per una classifica degli articoli più letti? La prendo alla lontana iniziando dal traffico negli archivi passati, a cui nessuno pensa, ma che continuano a ricevere traffico proveniente da link e da motori di ricerca.

Ecco i primi 10 articoli del 2003 letti nel 2006

  1. La parola camorra non esiste di Roberto Saviano. 992 unique views, 1136 pageviews
  2. Un sogno leghista di Roberto Saviano 765 u.v, 827 p.v
  3. Bloggers, siete peggio di Liala! di Tiziano Scarpa. 375 u.v., 454 p.v.
  4. La verità, vi prego, sul sesso: parlano gli uomini di Raul Montanari. 337 u.v., 357 p.v.
  5. Scrivere sul fronte occidentale di Antonio Moresco. 142 u.v., 157p.v.
  6. L’uomo che ride di Carla Benedetti. 142 u.v., 148 p.v.
  7. Tracce di vita (Recensione aggressiva di 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire) di Jacopo Guerriero. 138 u.v., 147 p.v.
  8. Il pianeta dei fantablog di Tiziano Scarpa. 132 u.v., 140 p.v.
  9. Questo è un sito in costruzione 121 u.v., 130 p.v.
  10. Ineffabile sfera di Achille Varzi. 118 unique views, 130 pageviews

Seguiranno, se avrò tempo, i pezzi più letti degli anni successivi.

Le scimmie su Wikipedia

Scrive Loredana Lipperini del libro Le scimmie sono inavvertitamente uscite dalla gabbia di Dario Voltolini. Sono 100 brevi pezzi pubblicati a puntate su Nazione Indiana nel 2004-2005 e poi ripresi come libro nel 2006. L’intervista con Voltolini è interessante, specie quando sottolinea il carattere centrale e aperto dello scrivere in rete, e quando identifica i punti di forza del libro rispetto al web:

Il passaggio alla carta stampata non è affatto obbligato: i testi in rete hanno la stessa dignità dei testi cartacei. Si tratta di differenze importanti ma non sostanziali, quali il pubblico, la qualità di resa tipografica, la distribuzione, l’apparenza come oggetto, la vendibilità, il giro di danaro, le traduzioni: cose che fanno la differenza, ed è una differenza grande. Ma non sostanziale. Direi anzi che oggi è obbligato il passaggio inverso, cioè quello dalla carta stampata alla rete.

La cosa interessante è che il link fornito per leggere i pezzi delle Scimmie in Nazione Indiana proviene quasi certamente dalla pagina Wikipedia su Voltolini. Il che conferma quanto sia importante curare la completezza e la qualità delle informazioni presenti in Wikipedia sui temi che ci interessano.

La traduzione di Tolkien

Scopro grazie a Massimo Morelli che “Il Signore degli Anelli” di Tolkien è stato tradotto in italiano da una allora quindicenne Vittoria Alliata. Curioso l’incontro della traduttrice con il curatore dell’edizione italiana, Quirino Principe: lui rigido e asciutto aristocratico dello spirito, lei giovane, spigliata e di famiglia notabile per davvero. Ecco la versione dei fatti di Quirino Principe e quella di Vicky Alliata di Villafranca.

The Long Tail

Qualche tempo fa si parlava con alcuni amici scrittori dei problemi del mercato editoriale. I meccanismi economici dei distributori e lo spazio limitato sugli scaffali rendono difficile, per le pubblicazioni minori o poco note, l’incontro con il lettore in libreria. Molti libri, semplicemente, non vengono distribuiti e non verranno quindi mai comprati né letti, a favore di pochi titoli di grande popolarità che costituiscono la maggior parte delle vendite.

Per un autore interessato a conoscere meglio la situazione e a cambiarla, è importante il concetto di Coda Lunga (Long Tail) Continua a leggere The Long Tail

Per Cecilia Gatto Trocchi

Scopro con un giorno di ritardo che si è suicidata Cecilia Gatto Trocchi, antropologa italiana assurta agli onori della cronaca alcuni anni fa, in seguito alla pubblicazione del libro “Viaggio nella magia” (Laterza, 1993). Il libro raccoglieva, in forma narrativa, i risultati di cinque anni di osservazione partecipante a corsi di maghi, guru e sciamani (si fa per dire), riti di sette sataniche e non, sedute presso santoni, guaritori e – dimenticavo – rappresentanti degli ufo sulla terra. Continua a leggere Per Cecilia Gatto Trocchi